Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

mercoledì 15 febbraio 2017

Recensione: "Bad Love" di Jay Crownover

Ciao Rumors! Oggi la nostra Tiziana ci parlerà in anteprima dell'attesissimo nuovo romanzo targato Newton Compton, auto conclusivo  e  primo volume della serie Welcome di Jay Crownover, Bad Love. In uscita domani in formato ebook e il 20 Febbraio in formato cartaceo.
Titolo: Bad Love
Serie: Welcome Series
Autrice: Jay Crownover
Editore: Newton Compton
Genere: New Adult
Prezzo ebook: € 4,99 - Cop. Rigida 9.90€

Amazon

Se cercate un cattivo ragazzo, ecco a voi Shane Baxter Sexy, dark, pericoloso, Bax non cammina solo sul binario sbagliato… lui è il binario sbagliato. Criminale, delinquente e attaccabrighe, ha preso un sacco di decisioni sbagliate, e una di queste lo ha portato in prigione per cinque anni. Ora Bax è fuori e in cerca di risposte, e non gli importa cosa dovrà fare o chi dovrà ferire per trovarle. Ma non ha fatto i conti con Dovie, una ragazza innocente e pura… Dovie Pryce sa bene cosa comporti vivere una vita difficile. Ha sempre cercato di essere buona, di aiutare gli altri, e non si è mai lasciata trascinare giù dalla tristezza. Eppure le cose per lei non hanno fatto che peggiorare. A quanto pare, l’unica persona che può aiutarla è il detenuto più spaventoso, sexy e complicato che sia mai uscito da Point. Bax le fa paura, risveglia in lei sentimenti che non avrebbe mai pensato di provare. Ma a Dovie non serve molto per capirlo: certe volte le persone migliori per noi sono proprio quelle che dovremmo evitare...
Serie:
1-Bad Love
2-Better When He's Bold


“In molti pensano che io scriva sempre e solo del classico “cattivo ragazzo”. Penso che siano semplicemente persone che vogliono vivere la vita alle loro condizioni: si piacciono così come sono e non hanno paura di giocare secondo le loro regole. Ritengo di scrivere semmai, di ragazzi interessanti”

Jay Crownover introduce così Bad Love il primo volume della “Welcome series”, e mai le sue parole mi sono sembrate così vere.
Ogni suo personaggio maschile sembra essere il bad boy di turno. Arroganti, presuntuosi, e ricoperti di inchiostro nero, ognuno di loro ha sempre quest’aria un po’ torva e tenebrosa.
Ma Shane Baxter, detto semplicemente Bax, non è solo il bad boy. Lui è il cattivo. Il vero cattivo. Un delinquente. Un ragazzo nato in un quartiere malfamato dove non è permesso solo vivere, ma vivere per sopravvivere. E Bax lo fa seguendo le sue regole, quelle che gli permettono di vivere in modo facile, quelle che gli permettono di conquistarsi il rispetto della strada dove la criminalità è il pane quotidiano. Dove può sopravvivere solo chi è il migliore dei peggiori.


“Mi chiamo Shane Baxter, ma quasi tutti mi chiamano Bax. Sono un ladro. Hai una ragazza? Io te la frego. Hai una bella macchina nuova di zecca per cui hai buttato un pacco di soldi? Io te la frego. Hai roba tecnologica che pensi di avere messo al sicuro? Io vengo e te la frego, perché tanto di sicuro non ne avevi davvero bisogno”

Ma le sue regole lo hanno portato dritto in prigione a soli diciotto anni, per scontare una pena di cinque in nome dell’amicizia. Ora vuole assolutamente conoscere la verità. Bax ha bisogno di sapere se la prigione è valsa almeno a salvare la vita di Race, amico e compagno nei suoi loschi traffici, o se quel legame così stretto sia stato solo l’ennesimo bluff.
Risposte e certezze sono le sole cose che desidera avere in questo momento. La prigione lo ha reso più pericoloso, e sicuramente più desideroso di capire fino in fondo se quel gesto di puro altruismo ha aiutato il suo amico Race a liberarsi da un sistema che li stava opprimendo.
La Crownover è riuscita ancora una volta a creare un personaggio unico, con un vissuto pesante ma non per questo meno interessante. Bax è il criminale per eccellenza, ma è anche un ragazzo i cui valori, come l’amicizia e la lealtà, sembrano contrastare con il torbido di una vita in cui la criminalità è stata la via più facile per sopravvivere.
E allora come riuscire a rendere meno scuri e ombrosi i contorni di una storia vissuta ai margini della legalità? Questa autrice sorprende ancora. Perché in un quartiere malfamato come The Point, creato dal suo immaginario come un luogo presente in ogni città, dove l’appartenenza e il potere sono legati al numero dei crimini compiuti, esistono anche le realtà di chi controcorrente cerca di vivere in modo dignitoso e legale. Dove una ragazza come Dovie Pryce con coraggio cerca di guadagnarsi il rispetto attraverso l’onestà e l’aiuto verso i più bisognosi. Dovie con i suoi capelli rosso fuoco, una marea di lentiggini e una pelle chiara quasi diafana, sembra la luce in un mare di oscurità.


Due pozze nere, torbide e profonde di un uomo che non ha più nulla da temere, incontrano un giorno gli occhi chiari, verde mare di una donna che nella vita invece vuole ancora dare. Dovie e Bax sono legati da un difficile passato, ma ora il destino li ha uniti nella stessa ricerca di quelle verità che potrebbero cambiare per sempre la loro vita.

“La osservai mentre si allontanava. Da qualche parte nel mio petto, dove a lungo avevo pensato ci fosse solo una cavità cupa e vuota, sentii un sussulto e lo straziante presagio che mi sarei dovuto abituare all'idea di lasciarla andare via… più per il suo bene che per il mio”

Non si è mai preparati a riconoscere il bene quando per una intera vita il male e il pericolo sono stati il loro ossigeno. Bax rimane quasi spiazzato dall'integrità e dall'onestà di quella ragazza che riesce ancora a credere in un futuro migliore, e dietro quei vestiti troppo grandi ritrova il calore e l’umanità che aveva completamente dimenticato.
Sarà difficile per loro non potersi toccare, e scoprirsi. Tutto sembra urlare pericolo mentre i loro corpi cercano e trovano calore. Quel calore dimenticato dove non ci sono più limiti, dove la vita sembra acquistare colori più chiari. Sarà quell'intesa così passionale che riuscirà a spogliare Bax di ogni paura, per aprire finalmente la strada verso la sua redenzione e per Dovie la speranza di poter finalmente amare.

“Era come un’occasione per redimermi, e non mi ero mai reso conto di averne veramente bisogno finché le nostre vite non si erano incrociate”


Due personaggi meravigliosi con cui il lettore riesce ad affascinarsi. Sarà difficile chiudere questo libro e non tornare ancora a leggere le parole della Crownover. Ogni singola frase riesce a connetterti completamente con loro. Non c’è musica, ma solo il rombo delle macchine che corrono veloci in un quartiere senza anima. Riesci a sentire quelle paure nascoste dietro vicoli bui, dove il rumore degli animali randagi ti porta verso realtà oscure. Bravissima ancora a tessere una trama intrigata, dove tinte noir si confondono insieme a toni più crudi, per scrivere una storia che sa di amore e di speranza. Un messaggio subliminale verso tutti coloro che nella vita possono sperare ancora nelle seconde chance, per riscattarsi da una vita difficile dove il pericolo e la paura hanno fatto da padroni.
Un applauso speciale va a questa scrittrice che dopo la Tattoo Series è riuscita ancora una volta a stupirmi con una scrittura più matura e consapevole, avvicinando magicamente i confini fra realtà e finzione.

Tiziana

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...