Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

giovedì 12 ottobre 2017

Recensione "Magic" di V. E. Schwab

Ciao Rumors! Oggi la nostra Fabiana ci parlerà di un nuovo romanzo dalle sfumature fantasy targato Newton Compton editori, Magic di V. E. Schwab.
Titolo: Magic
Autore: V. E. Schwab

Genere: Fantasy
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: Eur 2,99 ebook - 7,50 € cartaceo
Amazon


Kell è uno degli ultimi maghi rimasti della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono infatti la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, dove accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell'Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio iii nella Londra Bianca, la più noiosa delle versioni di Londra, quella senza alcuna magia. Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere anche solo piccoli scorci di realtà che non potrebbero mai vedere. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e adesso Kell comincia a rendersene conto. Dopo un'operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale e infine lo costringe a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se si vuole continuare a giocare prima di tutto bisogna imparare a sopravvivere...

Questo romanzo lo aspettavo con un’ansia disperata e devastante per un duplice motivo:
-          uno, odio le attese dettate da una sperata traduzione
-          due, temevo sarebbe stata l’ennesima delusione
Non vi nascondo che l’inizio mi ha spiazzato, un po' confuso e ha gettato qualche ombra sul mio interesse. Io non sono una di quelle che insiste a portare avanti una lettura quando non le piace, ma in questo caso per fortuna sono andata contro me stessa e il mio modus operandi, ho proseguito la lettura e ho finito per innamorarmene.
C’è da dire che nonostante la mia confusione iniziale, l’autrice non ha nulla da recriminarsi. Ha un modo di scrivere ricco di dettagli che danno l’idea perfetta di questo scenario fantastico; è stata proprio la sua scrittura a conquistarmi permettendomi di andare oltre questo inizio talmente tanto ricco di dettagli e poca azione da annoiarmi un pochino, far scemare il mio interesse e crearmi una confusione, che vi garantisco era tale solo nella mia testa perché l’autrice è stata fantastica.

Quello che mi ha stupito è proprio la sua grande fantasia nel descrivere questi quattro mondi che hanno un unico denominatore comune che è quello del nome: Londra. Poi per il resto sono mondi diversi, anche se le cose si trovano negli stessi luoghi. Ogni Londra ha un suo colore che li distingue e una conoscenza più o meno marcata della magia, come un numero più o meno ampio di gente che sa usarla.
Il protagonista del libro è colui che può attraversare le porte di questi mondi portando a compimento i suoi incarichi politici ma anche qualcos’altro di poco lecito e proibito… questa trasgressione è propria del suo carattere, del suo bisogno di sentirsi libero e di vivere di avventure. Ho adorato Kell per l’umanità del suo vissuto psicologico di non appartenenza e al tempo stesso quel suo sentirsi indiscutibilmente legato a quello che considera suo fratello.
Insieme a lui in questi giochi di poteri, intrighi e tradimenti compare un’umana, Lilah, che renderà il romanzo più dinamico, avvincente e adrenalinico. Più o meno da quando compare lei che i casini si moltiplicano a precipizio, si incastrano in un ghirigoro di cui sembra impossibile trovare il bandolo di questa matassa.
La ragazzina è un personaggio forte, sa difendersi e sopravvivere alla durezza della vita, vuole vivere di avventure e non ci penserà due volte a seguire il mago.

Le parole non mi bastano a spiegarvi quanto è stata coinvolgente e mozzafiato questa lettura, vi basta sapere che una volta superato quello scoglio iniziale ho continuato a leggere in piena notte vedendo le luci dell’alba. È uno di quei romanzi che parla di magia, ci trasporta in un mondo fantastico, ma al tempo stesso non si perde temi più riflessivi giocati sulle caratteristiche dei personaggi. È stata una montagna russa fino a quando non sono arrivata alla parola fine perché vi giuro che le vicende si erano così ingarbugliate che non credevo possibile che l’autrice sarebbe riuscita a metterci un punto entro la fine del romanzo.
E invece è così! C’è riuscita! È diventata il mio mito indiscusso. Un fantasy mozzafiato che ha una degna conclusione facente parte di una trilogia che a quanto pare ci regalerà nuove avventure.
L’incredibile è che l’autrice è riuscita a conquistarmi anche se in questo romanzo non compare neppure l’ombra lontana di una storia d’amore, anzi… forse ombra è sbagliato perché per i cuori romantici qualcosina si può intravedere anche se è solo embrionale e chissà forse l’autrice ci regalerà in futuro un po' di rosa nella magia.
Al momento va letto semplicemente come un meraviglioso fantasy che mi conquisterà per via della magia, degli intrighi e dei forti legami di amicizia.
Complimenti all’autrice!
Fabiana

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...