Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

venerdì 22 settembre 2017

Review Party "Quello giusto per me" di Natasha Madison

Ciao Rumors! Oggi il Rumore partecipa Review Party di Quello giusto per me di Natasha Madison, in uscita oggi, 22 settembre, edito Quixote Edizioni. Leggiamo cosa ne pensa la nostra Fabiana.
Titolo: Quello giusto per me
Autore: Natasha Madison
Editore: Quixote Edizioni
Genere: Romance
Prezzo: 4,99€ ebook
In Uscita il 22 Settembre 2017

Il momento in cui tutto è cambiato non è stato come un fuoco d’artificio, bensì un incubo. Ho beccato mio marito, il mio fidanzato del liceo, il padre dei miei figli, coinvolto in una sordida relazione. 
È stato in quel momento che ho deciso di rinunciare agli uomini e all’amore.
Non ho però tenuto conto del ragazzo d’oro dell’NHL, il bellissimo e arrogante Cooper Stone, che ha sconvolto la mia vita e il mio lavoro da cima a fondo.
I miei figli sono l’unica ragione per la quale mi sveglio al mattino.
L’hockey è la ragione di vita di Cooper.
Arriviamo da mondi e luoghi diversi, ma quando i nostri cuori si sono scontrati, qualcosa di totalmente sbagliato si è trasformato nella cosa giusta. Lui è quello giusto per me.

Ciao Rumors.

Questo è uno di quei libri che una volta chiusi mi lascia con un enorme dubbio di non riuscire a quantificare effettivamente quanto mi sia piaciuto perché più di qualcosa non mi ha convinto perfettamente. C’è da dire che leggendo la trama purtroppo io mi ero fatta una idea tutta mia della vicenda e dei personaggi che probabilmente ha un po' falsato la mia lettura. Ero convinta di trovare una donna ferita dal tradimento del marito, una che si tiene lontana dalle relazioni e in qualche modo sia distrutta dalla fine della sua relazione. Quindi nel mio ideale, Parker era un personaggio femminile completamente diverso da quello che ci ha invece presentato l’autrice. A essere sincera questo imprevisto diversificarsi della trama reale rispetto alla mia idea è l’aspetto che mi è piaciuto di più. Parker è cazzutissima nel vero senso della parola, sì ha sofferto, sì si tiene a debita distanza dall’amore e dagli uomini, ma assolutamente non è un anima fragile che si fa mettere i piedi in testa. Quindi la narrazione in prima persona molto ironica e briosa della protagonista che ci racconta quello che le è successo nell’ultimo periodo mi ha subito catturata.
Prima di questo c’è da dire che sono rimasta già spiazzata dal prologo che mi ha stupito e un po' confuso per la scena proposta e inaspettata, già da qui sono cominciate a vacillare le mie certezze, ma mi ha spinto a correre come un treno per capire come caspita poteva essere possibile questa situazione… insomma la povera Parker mi sembrava perseguita dalla stessa medesima sfiga.
Una delle scene più simpatiche è proprio quando si incontrano lei e Cooper, è odio istantaneo e reciproco al primo scambio di battute con un palese fraintendimento che l’agguerrita Parker non si prende la briga di correggere.
Non so tra Parker e sua cugina chi mi sia rimasta più simpatica per il loro modo di essere genuine, sboccate e senza peli sulla lingua. Si scrivono certi messaggi sboccatissimi che mi facevano morire dal ridere. Penso che tutti nella vita dovrebbero avere almeno un’amica così folle che ci tenga così tanto a proteggerti e a tirarti su di morale. A me la cugina stava così simpatica che sono corsa a vedere se c’era un libro precedente dedicato a lei e ho scoperto invece esserci un secondo volume veramente molto interessante… ma non vi svelo altro, non vedo l’ora di leggerlo.
Cooper dall’altro lato riempie la scena con la sua stazza imponente da giocatore di hockey bello e fighissimo. All’inizio ci appare odioso a tal punto che quando si inverte la rotta dall’odio all’interesse ti viene da chiederti come, quando e perché abbia cambiato idea su Parker… questo è forse il passaggio più frettoloso.
 Poi quando comparirà il pov di Cooper ci si accorgerà che non è altro un bravo ragazzo nel vero senso della parola, a volte pure troppo accomodante con chi gli sta creando casini. Pure particolarmente romantico e attento… e al tempo stesso deciso che non accetta un no come risposta e insidia Parker in tutti i modi e le maniere.

Tra i due si innesca una passione bollente e torrida che li tiene ancorati come due calamite. Le scene ad alto contenuto erotico non sono poche, anzi abbondano parecchio e sono veramente infiammabili e descritte nel dettaglio. La cosa che mi ha dato un po' fastidio è che l’autrice fa un uso smodato della parola Cazzo, praticamente Cooper e Parker ce l’hanno sempre in bocca e non solo per descrivere scene sessuali, ma proprio come intercalare.
Se la psicologia dei personaggi fosse stata più approfondita al pari passo con l'approfondire meglio lo sviluppo della situazioni a scapito di qualche scena di sesso in meno sarebbe stato un romanzo veramente scoppiettante, frizzante e brioso e al testo stesso molto più curato. Infatti i temi trattati dall'autrice sono in realtà ad alto spessore, dal tradimento, alla vita da sola con i figli, il rapporto con l'ex, accettare che un altro uomo entri nella propria vita e in quella dei proprio figli... insomma tutte situazioni psicologicamente importanti che avrebbero richiesto un'attenzione maggiore.
Nonostante questo, il romanzo è stato lo stesso spassoso e si è volati verso la fine velocemente,
I complimenti maggior vanno alla Quixote per la traduzione come al solito impeccabile, c’è qualche piccolo refuso che non toglie assolutamente la piacevolezza della lettura.
Io non vedo l’ora di leggere l’altro romanzo della serie, me ne aspetto già delle belle.
Fabiana

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...